Linea fragilità alimentari

La disfagia è la difficoltà o incapacità di inghiottire alcuni alimenti. Questo disturbo rende la deglutizione pericolosa durante il pasto e può causare una perdita di appetito e una diminuzione del consumo di cibo.
Nei casi più gravi, la disfagia può portare a soffocamento e indebolire le vie aeree dei polmoni fino al soffocamento.

Cause
I disturbi della deglutizione sono comuni in molte malattie. Possono verificarsi nelle seguenti situazioni: malattie neurodegenerative, ictus, malattie ORL, o semplicemente per mancanza di forza muscolare o cattive condizioni dentali legata all’età.  

Conseguenze
Le conseguenze della disfagia, che nei soggetti anziani si presentano in forma più grave, sono: Rischio di malnutrizione, ovvero la perdita del desiderio di mangiare e/o la paura di farlo portano a una progressiva diminuzione dell’assunzione del cibo Rischio di disidratazione. Considerando  che, tramite l’alimentazione assumiamo circa 1 litro di acqua al giorno, in assenza di nutrizione deve essere alternativamente consumato 1 litro di liquidi in altra forma.
Ansia – depressione
Polmonite ab ingestis, peggioramento della funzione respiratoria

Nasce così il progetto “Nutricare”, una piattaforma multidisciplinare in grado di valutare i bisogni socio-sanitari di tipo complesso, finalizzata all’individuazione degli interventi consoni alle esigenze della persona fragile dal punto di vista alimentare. Il modo più efficace per identificare i pazienti con bisogni nutrizionali è attraverso uno screening. Il nostro screening nutrizionale ha la finalità di riconoscere rapidamente i pazienti disfagici, malnutriti o a rischio di malnutrizione. Sulla base dei risultati, è possibile definire con maggior precisione i bisogni del paziente e le relative modalità di intervento.

Sede legale:

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Servigest srl - via Baiamonti 21

34145 - Trieste

Ufficio commerciale:

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel: 0481 521091